Gentile visitatore, utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra politica relativa ai cookie.

Giardino

Dalla galleria meridionale de chiostro, della anche galleria del refettorio, attraverso una scalinata, si accede al giardino, che si trova tra le de ali del monastero: da una parte sta il museo, nel locale un tempo occupato dal refettorio dei monaci e dall’altra la biblioteca, situata dove si trovava il refettorio dei conversi.

A fianco della scalinata sorgeva l’antica farmacia voluta dall’abate Romualdo Pirelli (1790 – 1822), che occupava lo spazio sottostante alle finestre dell’attuale museo. Per questo giardino transitavano i conversi, quando percorrevano l’antico passaggio per accedere alla chiesa, attraverso la porta detta dei “conversi”.

Nel giardino, in cui si trovano un albero di cedro e due folti abeti, sta una aiuola con la statua della Madonna. Vi sono, inoltre, due fontane e in una di esse è evidente lo stemma dei Barberini, a testimoniare che un componente di questa famiglia, Francesco, nipote del papa Urbano VIII, nel 1633, fu commendatario di Casamari.